PDA

Visualizza Versione Completa : [PLO] Foldare il Nut



gurupoker
31-01-10, 16:00
L'omaha è probabilmente l'unica variante di poker in cui, talvolta, è bene essere cauti anche quando si ha in mano il punto nut. Ovviamente non si stà parlando di preoccuparsi al river ma nei precedenti giri di puntate è necessario analizzare bene la situazione prima di mettere nel piatto un considerevole numero di chips. La situazione più frequente che richiede prudenza è la scala nut al flop con due carte dello stesso seme sul board o la possibilità di un draw a una scala superiore. La cosa migliore da fare in questi casi dipende molto dal tipo di partita che si stà facendo: se si gioca online a limiti bassi, dove i giocatori sono meno esperti e rilanciano più liberamente, conviene andare fino in fondo. Ma se si gioca a livelli medio-alti e un giocatore generalmente tight piazza un raise allora è seriamente il caso di considerare un fold come opzione principale, soprattutto se si hanno molte chips davanti: si mettono a rischio troppe chips per una modesta vincita in caso di split o nei rari casi in cui il raiser ha una mano inferiore alla nostra.

Questo problema non si pone se si è shortstack, visto che la somma che si rischia di perdere non è elevata, e di conseguenza questa mossa ha meno valore in un torneo, dove generalmente gli stack non sono troppo grandi in relazione ai bui.
Non è invece corretto foldare un colore nut (se non c'è una coppia sul board) per due motivi:

_ nessuno può avere una mano di uguale valore;
_ essendo il colore un punto più alto della scala ci sono meno draw che possono batterlo.
Per essere giusta la mossa del fold non è necessario che anche i nostri avversari abbiano il nut ma è sufficiente che ci siano un paio di draw importanti per farci diventare molto sfavoriti nella mano.
Esempio:
Siamo sul BB con uno stack di circa 50BB con http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/7f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6c.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6d.gif ci sono quattro limp e noi facciamo check.
Flop http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/9f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/8p.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/5p.gif

Preflop avevamo una mano terribile, con pochissime probabilità di miglioramento, ma ora abbiamo floppato il punto massimo: non male!

Cosa conviene fare ora?

Visto che abbiamo un buon punto, ma vulnerabile, la cosa migliore è fare una puntata per proteggere la nostra mano e vedere come reagiscono i nostri avversari. I due giocatori dopo di noi fanno rispettivamente raise e reraise, a questo punto per giocare dobbiamo mettere a rischio tutto il nostro stack.

A questo punto pensiamo che noi abbiamo quasi tutti i 6 quindi è improbabile che ci troviamo di fronte a qualcuno che ha il nut, e così decidiamo di andare all-in. Anche gli altri 2 avversari mettono i loro resti nel piatto e si arriva a uno showdown a tre.
I nostri avversari mostrano rispettivamente: http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Kf.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/10f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/9c.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/9d.gif per un top set e http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Ad.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Jp.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/10p.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/4f.gif per un progetto di scala e di colore.
Il turn è il http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/4d.gif e il river è la http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Qc.gif.
Abbiamo perso al river con l'avversario che chiude una scala più alta della nostra, pensiamo di essere stati sfortunati.
Ma è davvero così?
Andiamo a vedere le percentuali di vittoria al flop delle 3 mani:
http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/7f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6c.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/6d.gif: 17.72%
http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Kf.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/10f.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/9c.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/9d.gif: 42.04%
http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Ad.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/Jp.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/10p.gifhttp://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/carte/4f.gif: 39.34%

C'era anche l'1% di possibilità che i nostri avversari splittassero.
Al flop avevamo ragione: nessuno dei nostri avversari aveva il nut, ma la combinazione dei draw dei nostri avversari era di per sè sufficiente a rendere la nostra mano molto perdente alla lunga.

Una situazione simile può accadere in un torneo, quando floppiamo top set ,con possibilità di draw a scale o colori sul board. Se, incontriamo particolare resistenza, è molto probabile che ci troviamo di fronte a un coinflip contro qualcuno che ha diversi progetti di scala e colore. In una situazione come questa, a seconda della fase del torneo in cui ci si trova, la soluzione migliore potrebbe essere quella di rinunciare al piatto e aspettare una situazione più favorevole.