PDA

Visualizza Versione Completa : Potevo vincere di più in quel piatto ? TheNicky ci aiuta a massimizzare una mano



SuperJoe186
02-02-10, 09:22
http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/porto/fiches_1.jpg

Piw vi propone oggi un interessante articolo tecnico scritto da TheNicky che si pone una domanda che molte volte tutti i giocatori di poker nella propria mente si saranno fatti "Avrei potuto vincere di piu' in questa mano?"


Quante volte dopo aver vinto una mano vi siete chiesti se avreste potuto estrarre un valore maggiore?

Una delle migliori qualità dei buoni giocatori è quella di saper “costruire” il piatto. Come si suol dire, vincere tanto quando si chiude un buon punto, e perdere poco quando ciò non succede.Ovviamente, però, non è così semplice, si deve sviluppare una buona abilità nel manipolare il piatto.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/porto/jason_rosenkrantz.jpg

Questa skill è importantissima in tutte le tipologie di gioco; sicuramente è maggiormente utile quando si gioca molto deep ( MTT e cash game), ma serve anche nei sit&go.

Innanzitutto, si devono osservare differenti aspetti, quali: la nostra mano, il board, le dinamiche preflop, il numero di giocatori nel piatto, la posizione. Dopo aver valutato il tutto si deve decidere l’importo esatto della puntata (bet).

In realtà, non basta limitarsi a leggere qualche articolo, ma serve tanto studio e soprattutto un bel po’ di esperienza.Il primo pensiero al flop va fatto su cosa abbiamo, che tipo di punto o progetto. Successivamente, ci conviene contare gli outs che possono migliorare la nostra mano.

A questo punto, conviene riflettere su quella che è stata l’azione preflop, e cercare di mettere i nostri avversari su un determinato range di mani.
Più ci avviciniamo al range degli altri giocatori, meglio sapremo come ci conviene agire.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/Heads_Up_3.jpg

Per esempio, se ho classificato un mio avversario come super nitty e son convinto che sia entrato nel piatto con una monster (QQ+), nel momento in cui al flop ho tanti outs per chiudere progetti quali scala o colore, cercherò di iniziare a costruire un bel piatto, soprattutto se sul flop non ci sono carte come K o A. In questo modo, sono sicuro che nel momento in cui riuscirò a chiudere il mio progetto il giocatore avversario sarà quasi costretto a darmi una buona parte del suo stack. Altrimenti potrò uscire dal piatto senza grosse perdite.


Al contrario, se nel piatto ci sono vari giocatori molto loose, e su un flop molto connesso ho hittato una top pair, cercherò di outplayare i miei avversari, ma senza effettuare grosse puntate, perché questa volta non voglio creare un grosso pot. Son convinto, che i miei avversari non mi pagheranno facilmente il punto, e se mi seguiranno sarà, probabilmente, perché sono avanti.


Un altro aspetto fondamentale quando si decide di puntare è quello di tagliare le pot odds ai nostri avversari. Per es. ci troviamo al turn, ed abbiamo chiuso una doppia coppia. A terra ci sono due carte a cuori già dal flop, e siamo quasi convinti che il nostro avversario stia giocando per un flush draw.

Dare al nostro avversario una carta gratis sarebbe un suicidio. Si deve puntare, e scegliere un importo tale da far commettere un errore al nostro avversario nel caso in cui decida di chiamare.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/porto/poker%20club_1.jpg

La possibilità che chiuda colore è circa del 20%, quindi dobbiamo fare in modo che la nostra puntata sia maggiore del 20% del piatto. Un 40-50% sarebbe una buona size-bet. In questo modo, comunque, non tagliamo le gambe al progetto del nostro avversario, che spinto da un po’ di curiosità, e tanta speranza, potrebbe decidere di chiamare, commettendo un errore ogni volta che prenda questa decisione.


Il numero di giocatori nel piatto non è da sottovalutare. Nel momento in cui decidiamo di puntare, dobbiamo considerare quanti giocatori sono dentro la mano, e quali sono le conseguenze.

Solitamente, preferisco puntare un po’ di più quando nel piatto ci sono diversi giocatori, per tre motivi semplicissimi:


1.È più facile trovare un giocatore che erroneamente decide di seguirti.
2.Se il mio punto non è nuts preferisco giocare in HU, piuttosto che in un multi way pot, quindi cacciare qualcuno dal piatto non mi dispiace.
3.Ritornando sul ragionamento delle pot odds, se noi effettuiamo una puntata, e dopo di noi ci sono un paio di call, molto probabilmente i giocatori che parlano dopo avranno buone pot odds per chiamare e seguire i loro progetti.


Concludo dicendo che, spesso, quando abbiamo un buon punto, è meglio effettuare delle puntate un po’ più grosse rischiando ogni tanto di non essere chiamati, piuttosto che effettuare piccole bet che danno ai nostri avversari la possibilità di trovare outs “pericolosi”, o di perdere poco con la loro mano.

http://www.lezionidipoker.com/mypoker/images/img1184.jpg
TheNicky per pokeritaliaweb.org
www.avvocazzi.com