PDA

Visualizza Versione Completa : Poker Cash Game: Attenzione agli Short Stack



StrayDog
28-05-10, 11:14
Come sappiamo a breve si potrà giocare il cash game sulle poker room italiane. Per non farvi arrivare completamente impreparati, in quest’articolo, cercherò di illustrarvi un concetto che tratta della strategia Short Stack.

Quando, dunque, inizierete la vostra avventura sui tavoli di cash game online, vi capiterà spesso di incrociare ai tavoli giocatori che adottano questo tipo di strategia. Li chiameremo gli “Short Staker”.

Per molti di noi appassionati del cash, gli short staker non sono visti di buon occhio. Vi assicuro però che di questi giocatori ne troverete parecchi ai tavoli, molti di loro usano questa tattica Short Stack. Ora però, prima di continuare, voglio un attimo fermarvi e spiegarvi chi sono realmente gli Short Staker.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/scuola/short.jpg

Capirlo da soli, visto il nome, è semplice. Questi giocatori, infatti, partecipano a una partita cash di, per esempio, No-Limit Hold’em e si siedono pagando il buy-in Minimo, o a volte leggermente superiore. Di solito, quindi, il buy-in è di 20 grandi bui.

Esempio, su un tavolo €0.10 No-Limit, lo short stacker entrerà con un buy in di soli €2. In pratica, così, lo short stacker ha un numero ristretto di mani giocabili e delle regole ben precise da rispettare. In pratica il suo gioco sarà molto push or fold pre-flop, in alternativa diversi short stackers punteranno la metà del loro stack pre-flop invece di andare all-in, solo con l’intento di spingere poi al flop, senza curarsi di quello che uscirà. In questo modo, una volta raggiunta una certa somma lasceranno il tavolo.

Di questi giocatori ne troverete diversi, sono molti che adottano questa tattica, sopratutto I meno esperti. D’altronde è una strategia di gioco molto semplice da capire e da attuare, questo vi farà capire il motivo per cui sempre più players adottano la Strategia Short Stack. Vediamo, ora, meglio come mai molti adottano questa strategia.

Innanzitutto questi giocatori che adottando questa strategia short stack, hanno una specie di difesa naturale contro I predatori. Non vale la pena giocarci contro e il più delle volte è un rischio. Normalmente, quando giochiamo contro un giocatore full stack che come uno short stacker ha un atteggiamento tight al tavolo con un range di mani ristretto, potremmo fare delle chiamate speculative sui loro rilanci con connectors e coppie piccole, nella speranza di centrare un ottimo flop.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/scuola/poker_fish_shark.jpg

Abbiamo tutte le implied odds possibili. Se il flop c’è favorevole, saremo in grado di vincere un gran bel piatto dal nostro avversario, che difficilmente, magari, lascerà la sua coppia alta.

Contro uno short stack, invece, le implied odds non le abbiamo. Anche se lo copriamo abbondantemente, il bottino che vinceremo è per noi insignificante. Non vale la pena chiamarlo pre-flop senza una premium hand. Questo tipo di giocata va a favore dello short stacker.

Esempio, ci troviamo su un tavolo cash €20 No-Limit e un giocatore è seduto con soli €3 e va all-in da late position, noi abbiamo 5-5. Potremmo decider di fare call, ma in realtà l’ammontare di denaro che vinceremo alla fine non giustifica la chiamata, in quanto per vincere, molto probabilmente abbiamo a disposizione solo due out.

Altra strategia usata dagli short Staker è quella di raddoppiare e scappare. Difatti, coloro che usano questo tipo di strategia, di solito hanno l’obiettivo di incrementare il proprio stack iniziale del 50 o 100 per cento. Una volta centrato il loro obiettivo escono dal tavolo. Questo naturalmente è frustrante per gli altri giocatori. In primo luogo perché, gli short staker, non danno la possibilità ai propri avversari di riprendersi la rivincita.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/scuola/scappa.jpg

In secondo luogo, continuando con questa strategia, di non incrementare troppo il loro stack di partenza, si mettono a riparo da situazioni spiacevoli che potrebbero essere svantaggiose per loro. Così, continuano con questa tattica del “Prendi e Fuggi”.

In conclusione, molti giocatori pensano che gli short staker non giochino un poker vero. La strategia Short stack ti limita nelle decisioni, è tutto un gioco pre-flop. I giocatori “full stackers”, per l’appunto, odiano questo tipo di gioco. Loro preferiscono giocare post-flop. Per loro leggere una tabella di mani che ti dice con cosa e quando spingere pre flop, non è poker.

Inoltre, nonostante gli short stackers sono così prevedibili con la loro strategia all-in o fold, cambiano totalmente le dinamiche del tavolo. Per esempio, se alla nostra sinistra si trova uno short stacker e noi abbiamo una mano decente, con cui poter fare uno standar raise di tre volte il big blind, avremmo comunque la preoccupazione di subire un all-in in faccia e dover passare la mano.

http://www.pokeritaliaweb.org/images/stories/scuola/short2.jpg

In alternativa, se puntiamo di meno, stiamo praticamente dicendo a colui con più chips di venirsi a vedere il flop quasi gratis. In questo modo rischiamo di perdere ancor di più con il proseguimento della mano. Per risolvere questo problema, potremmo cercare di sederci alla sinistra dello short stack e alla destra del big stack, però in questo modo il Big avrà posizione su di noi.


Scritto da Francesco Healy

Alfa88
28-05-10, 11:53
In sincerità..ho una discreta esperienza in partite cash game ed esagerando avrò visto forse, e ripeto forse, il 3% di giocatori "SS" applicare questa strategia in modo corretto(da me non condivisa ma vabbè).
Il restante 97% entra da short e gioca come peggio non si può.
Le cause di ciò io credo siano riconducibili al fatto che la maggior parte di essi non sia assolutamente rollata per il livello e stia dunque sgamblerando a più non posso, ignorando ogni regola di gestione del BR.
Altra causa è ovviamente il tilt(nel cash subentra molto facilmente soprattutto ai danni di giocatori novizi o impreparati) che spinge il giocatore a giocare 2 o 3 livelli sopra i suoi standard, sedendosi talvolta(e l'ho potuto verificare) con l'intero bankroll al tavolo.
Per questi e altri motivi facendo table selection quando vedo un tavolo con 2-3 SS(si parla si short-handed) gli aggiudico già un grado di "Fishaggine" sopra la media, verificandolo poi puntualmente.
E' anche vero che gli shortstack che vedo spesso non sono seduti con i 20BB che richiede la strategia ma a volte con 30, a volte 40, a volte 50. Io li identifico come giocatori privi di quella sicurezza necessaria al cash per praticare un buon gioco,e di conseguenza sono facilmente attaccabili.
Per me dunque non godono di buona reputazione, anche perchè non trovo un solo buon motivo per sedersi al tavolo con meno dei 100(talvolta 200)BB richiesti.

StrayDog
28-05-10, 12:01
[QUOTE=Per me dunque non godono di buona reputazione, anche perchè non trovo un solo buon motivo per sedersi al tavolo con meno dei 100(talvolta 200)BB richiesti.[/QUOTE]

infatti non godono di buona reputazione...questi players disturbano solo il gioco, cambiando le vere dinamiche in un corretto cash game, giocato con i normali 100BB.

DoctorT
28-05-10, 19:26
Premetto che per ora gioco al 5NL per cui di giocatori che sanno giocare bene la strategia short stack ne vedo pochi, comunque di solito sono giocatori che non ti fanno vincere molto e allora se ce n'è + di 1 nel mio tavolo di solito quitto.
Comunque avere uno short stack alla mia sinistra non è tanto male ... hai la possibilità di rubargli i bui tutte le volte che sei di BTN o SB e non ci sono stati raise ... averlo alla mia destra invece mi rompe di più anche perchè la situazione più profittevole è quando trovo un giocatore loose passive alla mia destra.
Siete d'accordo anche voi o sono fuori strada ?

madma
13-06-10, 20:38
Il 90% gioca short ma nn segue la strategia...e solo per llimitare le perdite..giocano piu loose che i big...spesso pushano con mani patumiera ...

thottor95
13-06-10, 21:49
sinceramente a me piace giocare 100x al tavolo , e poi giocare molto anche postflop questa è la bellezza del poker. cmq forse per massare e meglio la Short stack strategy o mi sbaglio?

Disciplina_e_Giustizia
07-03-11, 11:34
..quoto doctorT..e cmq ragazzi, qui mi sembra eccessivo fare la morale del poker, soprattutto cash game..il poker e' TUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI...la short stack strategy e' applicabile solo agli small stakes, se provi a farla a bui medi o alti o ti pelano vivo, oppure quittano perche' dopo un po' ti inquadrano..inoltre, non sono d'accordo sul fatto che sia una startegia da principianti...ovvero i principianti la adottano più facilmente, ma non sanno quello cha fanno...e se adottato con buonsenso e capacità può fruttare, per cui perche' non adottarla? sinceramente se io mi siedo a un tavolo cash e faccio double-up dopo poche mani e decido di andare me ne importa poco della frustrazione dei miei avversari...in definitiva dato che gli short stack sono quasi sempre dei fish, sono abbastanza contento di vederli, perche' vanno all - in con mani inguardabili e spesso con una mano media mi porto a casa tutta la loro posta..:)

mosseven
07-03-11, 13:00
Ho giocato 80k mani su ps.com da shortstack e vi posso dire che non ne vale più la pena se non avete voglia di stare 10 ore al giorno davanti a un pc massando 40x per vivere di rakeback...

Da quando hanno vietato di sedersi con 20 BB ai tavoli da 100BB non è più proffitevole per vari motivi.

La strategia per essere proffitevole infatti richiede alcuni fattori, tra questi avere molti player con 100BB o comunque abbastanza pieni al tavolo e non più di 2-3 giocatori shortstack.

Da quando sono stati inventati i tavoli shallow (max 40 BB), unici tavoli dove è permesso oggi sedersi con 20 BB, vi ritroverete a giocare con minimo 5-6 player che adottano questa strategia rendendola praticamente nulla...

Forse nei primi tempi del .it postrà essere proffitevole non essendoci molti player capaci, ma comunque nel lungo periodo non ne vale la pena, imho.

Come già detto in un'altro post, non la vedo male per chi si avvicina dai sit al cash, o chi sta imparando,visto le molte somiglianze, anche a me devo dire che è servita per imparare al meglio alcuni meccanismi del cash.